Ostuni, donna uccisa con un colpo di pistola: fermato il marito

Ha raccontato di averle sparato per errore, mentre puliva l’arma, detenuta legalmente, l’imprenditore di 54 anni Francesco Semeraro che nella serata di giovedì 9 gennaio ha ucciso la moglie 46enne, Giovanna De Pasquale. Il dramma è avvenuto nella periferia di Ostuni, in una villa di contrada Malandrino, attorno alle 23. Sul posto sono immediatamente intervenuti gli agenti della Squadra Mobile di Brindisi, i poliziotti del locale commissariato e un medico legale che ha proceduto con i rilievi del caso. La donna sarebbe stata colpita da un proiettile, che avrebbe colpito prima il braccio e poi il torace. L’uomo, arrestato con le accuse di omicidio colposo, ha raccontato agli investigatori di aver ferito la moglie mentre maneggiava la pistola per pulirla, ma la dinamica dell’accaduto è ancora da accertare. Saranno infatti l’esame necroscopico e la perizia balistica a determinare se la ricostruzione dei fatti fornita dall’uomo può essere considerata attendibile. Da quanto si apprende, al momento dell’accaduto sarebbero state presenti altre persone e stando a quanto riportato da alcuni giornali locali, all’esterno della villa sarebbe stata compiuta una grave aggressione ai danni di un giornalista del quotidiano online Brindisi Report, colpito con calci e pugni. Soccorso dalla polizia, è stato poi trasportato all’ospedale di Ostuni, dove ha trascorso la notte sotto osservazione.