Omicidio Manduria, è il giorno dei funerali di Antonio Stano

E’ il giorno dei funerali di Antonio Stano. Il 67enne di Manduria, morto in ospedale dopo diciotto giorni di sofferenze e dopo due interventi. La famiglia ha chiesto la forma privata per i funerali, celebrati dunque nella residenza per anziani Oasi Santa Maria, anziché nella chiesa del Rosario.

Per il decesso sono indagati 14 ragazzi, di cui 12 minori, accusati a vario titolo di omicidio preterintenzionale, rapina, lesioni personali, stalking e violazione di domicilio. Ieri l’intervento del Procuratore capo della Repubblica del Tribunale di Taranto, Carlo Maria Capristo. Si sarebbe potuto agire prima evitando il peggio, ha detto in una intervista al Tg1, chi sapeva avrebbe dovuto parlare. Capristo ha detto inoltre che saranno chieste pene esemplari per i ritenuti responsabili.

Una riunione operativa presso la Procura della Repubblica di Taranto è in corso per fare il punto sulle indagini. Alla riunione partecipano il procuratore del tribunale ordinario Carlo Maria Capristo, il procuratore aggiunto Maurizio Carbone, il pm inquirente Guglielmo Epifani, e il procuratore per i minorenni Pina Montanaro. Nelle indagini sono coinvolti due maggiorenni e 12 minorenni sui cui ruoli nelle violenze subite dall’anziano sono in corso indagini che richiederanno alcuni giorni.

Determinante sarà il risultato degli esami istologici sui reperti prelevati durante l’autopsia: serviranno ad accertare se vi sia un nesso di causalità tra le percosse e il decesso. Solo dopo aver avuto certezze su questo dato sanitario, che finora non è disponibile, i magistrati faranno nuove valutazioni sulla configurazione giuridica dei fatti.