Potenza. Tentò violenza sessuale, condannato a 3 anni e 8 mesi

E’ stato condannato in primo grado a 3 anni e 8 mesi di reclusione il 21 enne guineiano, Yero Diallo, accusato di violenza sessuale ai danni di una 55enne di Potenza

Il processo al tribunale del capoluogo lucano si è concluso in poco più di un anno dai fatti. Era la mattina del 5 settembre 2017 quando il giovane tentò l’aggressione alla donna nell’ingresso di un palazzo in via Due Torri, zona centrale a poche centinaia di metri dalla sede del Comune. Le urla richiamarono l’attenzione di alcuni passanti che bloccarono con difficoltà il cittadino straniero, poi fermato dalla polizia e condotto in carcere a Taranto, dove si trova tutt’ora sotto cure psicologiche e farmacologiche.

La Procura aveva chiesto una pena di 5 anni e mezzo. Da quanto si è appreso, inoltre, durante il dibattimento è stata rigettata la richiesta del difensore della vittima, l’avvocato Rosanna Faraone, di citare come responsabili civili lo stato e la cooperativa di migranti che ospitava Diallo. L’avvocato che lo rappresenta, Maria Giorgio, ha già annunciato l’intenzione di ricorrere in appello dopo la richiesta di non punibilità per incapacità di intendere.

In attesa del secondo grado di giudizio, la sentenza è oggetto di valutazione anche dalla parte civile, che intenderà leggere le carte contenenti la motivazione prima di procedere. Quanto già stabilito, in ogni caso, preclude a Diallo di lasciare il carcere pugliese per decorrenza dei termini e lo ha interdetto dai pubblici uffici.