Bari, scoperto traffico illecito di rifiuti verso Asia e Africa: tre arresti e 1,7 milioni sequestrati

Operazione dei Carabinieri Forestali, oltre 3500 tonnellate di auto cannibalizzate e spedite nei paesi in via di sviluppo

Tre imprenditori arrestati e 1,7 milioni di euro sequestrati dai Carabinieri Forestali per smaltimento illecito di rifiuti ferrosi in Africa, Asia e America Latina.

Un’organizzazione internazionale che non avrebbe avuto scrupoli neanche a colpire direttamente i Carabinieri Forestali che si stavano occupando delle indagini, e che nel complesso sarebbe riuscita a spedire illegalmente all’estero per lo smaltimento oltre 3500 tonnellate di rifiuti ferrosi. Sono tre gli imprenditori arrestati, uno di origine egiziana e due italiani, di Ruvo di Puglia e Andria, oltre ad altri sette indagati a piede libero nell’inchiesta condotta dalla Procura della Repubblica di Bari sullo smaltimento illecito di rifiuti, in particolare rottami di auto cannibalizzate.