Ancora nessun epilogo per Valbasento e Tito

ValbasentoQuattordici lunghi anni e non c’è ancora un epilogo nella lunga storia di Valbasento e Tito, due aree industriali dichiarate inquinate e per questo inserite tra i siti di interesse nazionale. Ci pensa l’Onorevole Cosimo Latronico a porre nuovamente l’accento su questa annosa situazione, dopo l’informativa sui temi ambientali resa dal ministro dell’ambiente Galletti. Intanto le matrici inquinate continuano a rilasciare i loro devastanti effetti sul territorio. L’Onorevole Latronico ha quindi denunciato l’omissione delle autorità nazionali e regionali “che – si legge in una nota – non hanno pensato di adottare procedure eccezionali a fronte dell’interesse nazionale della questione”. Per Tito, al momento, risultano attivati 5 interventi di messa in sicurezza, mentre sono 81 i piani di caratterizzazione trasmessi ed approvati, per quel che riguarda le aree private. Per quanto riguarda le aree pubbliche, la Regione procederà con una bonifica delle acque di falda. A Valbasento, invece, si attende ancora il progetto integrato della Regione. Stessa cosa per la bonifica dei suoli pubblici.