Vicino Gravina (BA) deteneva armi e diversi ordigni esplosivi pronti all’uso

Gli Ordigni sequestrati dai Carabinieri di Gravina

Gli Ordigni sequestrati dai Carabinieri di Gravina

I Carabinieri della Stazione di Gravina in Puglia, al culmine di un’attività investigativa, hanno proceduto alla perquisizione dell’abitazione di un incensurato 26enne, all’interno di una masseria di Poggiorsini, al termine della quale il giovane è stato tratto in arresto con l’accusa di detenzione illegale di armi comuni da sparo e munizionamento e detenzione illegale di arma clandestina.

L’operazione ha permesso di rinvenire, all’interno del cofano dell’autovettura in uso al 26enne, parcheggiata nel garage dell’abitazione, due ordigni esplosivi artigianali composti da 1 kg di tritolo ciascuno, con miccia a lenta combustione e detonatore e altri due ordigni esplosivi artigianali composti da 160 grammi di miscela pirotecnica ciascuno, con miccia a combustione.

In una stanza adibita a deposito, custoditi in un armadio, sono invece stati rinvenuti un fucile da caccia cal. 12 a doppia canna e due cartucce caricate a pallettoni, una pistola a salve modificata, perfettamente funzionante e capace di esplodere cartucce cal. 7.65, nonché 14 cartucce dello stesso calibro, il tutto posto sotto sequestro.

Per completare l’attività è stato necessario l’intervento degli artificieri del Reparto Operativo del Comando Provinciale di Bari, che hanno messo in sicurezza il pericolosissimo materiale esplodente. Su disposizione della Procura della Repubblica di Bari, il 26enne è stato poi sottoposto agli arresti domiciliari.