Matera. Foto di minorenni in intimo per falsi provini, denunciato un 30enne

Polizia Postale Matera

Con un falso concorso fotografico per modelle un trentenne della provincia di Matera è riuscito ad acquisire decine di foto di ragazzine minorenni in intimo.

L’indagine degli agenti della Polizia Postale è partita dalla denuncia di due delle vittime contattate su Facebook da una sedicente segretaria di redazione (Valentina Maran) del noto marchio Yamamay che, millantando provini per la prossima campagna pubblicitaria, richiedeva, come primo step di selezione, due foto in costume o in biancheria intima. A questo, seguiva l’invito ad effettuare i provini stessi, recandosi direttamente al punto vendita.

Tutto piuttosto convincente agli occhi delle ragazzine e delle loro famiglie: il profilo sul noto social network e l’ indirizzo di posta elettronica erano quasi uguali a quelli reali ed ufficiali.

Quando le ragazze si sono presentate in negozio, con l’ignaro proprietario estraneo alla vicenda, hanno appreso l’amara sorpresa: nessun concorso per cui avrebbero ricevuto trenta euro per ogni foto pubblicata, nessun provino e foto inviate ad un perfetto sconosciuto .

Le indagini, grazie anche alla denuncia del titolare del negozio, hanno consentito di individuare il giovane che, con questo stratagemma, e molto probabilmente con la complicità di altri suoi coetanei, si è impossessato di decine di scatti . La polizia postale sta indagando per quantificare il materiale in possesso dell’uomo e quale sia stato il suo utilizzo.

Si tratta di un disoccupato, incensurato, che ha dichiarato di aver architettato tutto “per gioco”. Ora è accusato di truffa, sostituzione di persona e possesso di materiale pedopornografico. Rischia sette anni di carcere.