Zona industriale di Ferrandina. Fermati dai Carabinieri con 2 quintali di rame in auto.

Schermata 2013-08-23 alle 11.42.52MATERA – In una conferenza stampa tenuta stamani presso il Comando Provinciale dei Carabinieri di Matera, i dettagli di una operazione di controllo del territorio, che ha consentito di fermare un’auto sulla quale viaggiavano due uomini residenti a Ferrandina F.L. di 36 anni e M.N. di 30 anni.

Una pattuglia dei militari dell’Arma ha intercettato nei giorni scorsi, in località “Varisana” in Agro di Ferrandina, non molto distante da un campo di pannelli fotovoltaici, che già era stato interessato da un episodio di furto di cavi di rame, una “Lancia Libra” all’interno della quale viaggiavano due persone, note già per fatti analoghi ai Carabinieri, uno dei quali è già stato processato per fatti analoghi verificatisi nello stesso periodo dell’anno scorso.

Il controllo dell’autovettura ha consentito di scoprire il quantitativo di rame, già pulito e pronto per essere immesso nel mercato della ricettazione, occultato in 5 sacchi di iuta.

Oltre a questo, trovate due cassette contenenti attrezzi da scasso, utili a tranciare i cavi e 3 dosi di eroina. Una successiva perquisizione effettuata presso l’abitazione di uno dei due, è stato rinvenuto un bilancino di precisione.

Gli investigatori, che sono ancora al lavoro per definire meglio i dettagli del traffico, stimano che con le dovute “proporzioni” (il rame sul mercato viene venduto a 4 euro al kg) il valore del rame sequestrato si aggira intorno ai 2.500 euro.

Le Forze dell’ordine continuano a seguire con attenzione il fenomeno dei furti di rame, in danno soprattutto delle aree industriali, come quella di Ferrandina, che sono spesso oggetto di furti, anche di materiale ferroviario, essendo per quasi 3/4 dismessa.

I due deferiti alla procura di Matera, a disposizione della dottoressa Susca sono stati posti in regime di arresti domiciliari.