Sequestrati 4 quintali di novellame sulla statale Jonica.

Il novellame sequestrato.

Matera – Un pescatore originario di Corigliano Calabro, già noto alle forze dell’ordine, è stato fermato dai Baschi Verdi della Guardia di Finanza della Compagnia di Matera nella notte tra il 3 ed il 4 maggio scorsi, dopo un breve inseguimento iniziato a Metaponto e conclusosi lungo la strada statale 106 jonica. Aveva a bordo del suo furgone 4 quintali di pesce sottomisura, suddiviso in contenitori di polistirolo, per un valore di circa 7.000 euro. Il pesce, appartenente alla specie sardina pilchardus, oltre ad essere sottomisura (meno di 4 cm), era privo di certificazione sanitaria ed è pertanto stato sottoposto a sequestro; ottenuta successivamente l’attestazione di commestibilità da parte del sanitario di turno, è stato donato ad un ente benefico della zona mentre il responsabile è stato denunciato all’Autorità Giudiziaria per detenzione di novellame, vietata dalla legislazione italiana ed europea per tutte le specie ittiche. La SS106 è usata per i traffici illeciti di prodotto ittico, in quanto facilmente accessibile dal litorale che corre in parallelo. Ne sono a conoscenza sia i  pescatori che i Baschi Verdi della Guardia di Finanza della Compagnia di Matera alle dipendenze del Ten. Alberto Mollica che, proprio nell’ultimo periodo aveva predisposto un potenziamento dell’attività di prevenzione relativamente al commercio illegale di prodotti ittici, in entrata e in uscita dal litorale Jonico.