Rito abbreviato per Chieco nel processo per l’omicidio Fontana al via il 20 gennaio

Il Tribunale di Matera

MATERA – Inizierà il 20 gennaio prossimo, nel Tribunale di Matera, il processo per l’omicidio di Anna Rosa Fontana, la donna di 38 anni uccisa con otto coltellate da Paolo Chieco, suo ex-convivente, la sera del 7 dicembre 2010, davanti al portone di casa, in via Lucana, e al figlio diciassettenne di lei, dopo che aveva già tentato di farlo, con altri 15 colpi d’arma da taglio, cinque anni prima. Il giudice per l’udienza preliminare, Rosa Bia, che martedì scorso aveva aggiornato la seduta a oggi per riservarsi la decisione, ha accolto, in camera di consiglio, la richiesta del procedimento con rito abbreviato nei confronti di Chieco, accusato di omicidio volontario pluriaggravato, presentata dall’avvocato difensore, Michele Scalcione. Ora, nel giudizio, l’uomo beneficerà di uno sconto di pena pari ad un terzo di quella prevista per il reato contestatogli. Una possibilità che la madre di Anna Rosa Fontana, Camilla Schiuma, parte civile insieme alla famiglia, difesa dagli avvocati Carmine Ruggi e Pierluigi Diso, non si aspettava, come dichiarato prima dell’udienza preliminare attraverso la stampa, e che oggi, a quanto pare, ha contestato a gran voce in aula, annunciando un appello alla Presidenza della Repubblica. Prima dell’inizio del processo, insomma, trascorreranno altri due mesi. Il giudice, nella seduta odierna, ha anche acquisito la documentazione presentata dagli avvocati delle parti.