“Coop Estense” indisponibile al confronto con i sindacati

La protesta dei dipendenti Carrefour a Matera

La protesta dei dipendenti Carrefour a Matera

MATERA – La dirigenza della “Coop Estense” ha dichiarato l’indisponibilità a proseguire il confronto con le organizzazioni sindacali in merito al futuro occupazionale dei 140 dipendenti dell’ipermercato “Carrefour” di Matera, rilevato dal gruppo, iniziato il 23 settembre scorso e riaggiornato a ieri. “Coop”, infatti, ha ritenuto ostile l’atteggiamento dei sindacati di categoria che avevano comunicato di non condividere il piano di riorganizzazione presentato nel corso del primo incontro. Una motivazione che la Segretaria generale della Cgil di Matera, Manuela Taratufolo, in una nota, ha definito “chiaramente pretestuosa, quasi un alibi per giustificare un’assenza di volontà a concertare con i sindacati, che erano ben disponibili a proseguire il confronto al fine di cercare soluzioni condivise, nell’interesse esclusivo dei lavoratori che sono in attesa di conoscere il loro destino”. L’azienda ha negato l’ascolto, ha impedito lo svolgimento della trattativa, non riconoscendo neanche la possibilità ai lavoratori di svolgere la propria legittima protesta di fronte ad un piano di riduzione oraria che interviene pesantemente sulla vita ed il portafoglio delle persone. Prendendo spunto dalle parole pronunciate qualche giorno fa a Matera dal Presidente della Repubblica, Napolitano, il quale ha richiamato le forze politiche contrapposte, maggioranza e opposizione, a recuperare la capacità di ascoltarsi pur avendo posizioni diverse, la Taratufolo ha rivolto la stessa sollecitazione alla dirigenza “Coop”: “bisogna saper ascoltare chi è portavoce di una posizione e di interessi diversi e non è responsabile”, ha concluso, “avere un atteggiamento così sprezzante, in un momento così delicato”. Il sindacato, pertanto, avvierà ogni azione a difesa dei lavoratori e dei 140 posti di lavoro in un territorio che non può permettersi altre vittime e ferite insanabili.