Raccontare il patrimonio culturale con i videogames, una giornata di confronto a Potenza

L’evento, svoltosi nel Teatro Stabile di Potenza e promosso dall’Apt Basilicata, ha visto esperti di videogames, progettisti, ma anche psicologi, filosofi e imprenditori

La promozione del territorio lucano si apre al mondo dei più giovani attraverso uno dei canali di maggiore comunicazione: i videogiochi. È questo lo spirito che ha mosso l’Azienda di promozione turistica della Basilicata, unica in Italia a essersi dotata di una sezione denominata ‘Comics and Games’, nella adesione al progetto europeo ‘Be-Cultour. Beyond Cultural Tourism’, finanziato dall’Ue, in cui la Basilicata è regione pilota e che si è concluso stamani, a Potenza. L’evento ‘Giocare sul serio’ è stato una occasione di confronto con esperti di videogame, progettisti, psicologi, filosofi e imprenditori per analizzare i giochi digitali online e offline e il loro utilizzo per promuovere il territorio e i suoi valori. Nello specifico, l’Apt “ha scelto di adottare il linguaggio del videogame per tradurre in maniera divertente concetti impegnativi, come l’economia circolare e la sostenibilità”, ha spiegato il direttore Antonio Nicoletti. “Abbiamo pensato di rivolgerci ai più piccoli – ha aggiunto – che riescono a coinvolgere le famiglie, attraverso il racconto di una Basilicata antica, ricca di cultura e che parla con la lingua di oggi”. Protagonista è l’area del Vulture-Alto Bradano, in cui il cicerone è il poeta latino Orazio, negli ambienti dei videogame Minecraft, una delle più usate piattaforme, e col videogioco Roblox, a cui sono uniti “video lenti” che raccontano il territorio con immagini immersive. “Il videogioco crea interesse e ‘ingaggia’, fa tornare i ragazzi che possono imparare la storia lucana”, ha concluso Nicoletti che ha ricordato come l’azienda non sia nuova a simili iniziative: “Con ‘Metapontum’, si viaggia nella costa ionica lucana, tra bellezze ambientali, storia e cultura della Magna Grecia e di Pitagora. In due anni abbiamo ottenuto 425mila download in tutto il mondo, con un costo-contatto inferiore a cinque centesimi”. In merito alle stime del gruppo di lavoro inter-istituzionale sul turismo frutto dell’intesa tra Istat e MiTur, l’Apt Basilicata “comunica che i dati riportati relativi alle presenze e agli arrivi turistici in Basilicata 2023 non corrispondono a quelli rilevati dal sistema statistico ufficiale e regolarmente comunicati all’Istat come da vigente normativa”. “A tal proposito – è scritto nel comunicato diffuso dall’ufficio stampa dell’Agenzia di promozione turistica lucana – si informa che l’incremento tra 2023 e 2022 delle presenze turistiche in Basilicata ammonta al +14,36%, valore quindi superiore alla media nazionale riportata dal comunicato (+9,5%) e, sempre secondo tale comunicato, terzo tra le regioni italiane. Rispetto ai valori del 2019, invece, resta da recuperare il 7,2% delle presenze e il 4,7% degli arrivi. Tali dati sono non già delle stime, come quelle diffuse da Istat-MiTur, ma risultano dalle rilevazioni effettive e definitive relative al 2023 nel sistema ricettivo lucano”.