A Pasqua in Puglia tante dolci novità, ma è fai da te per 4 famiglie su 10: colpa dei rincari

Quattro famiglie su dieci, in Puglia, prepareranno i dolci tipici della Pasqua a casa. È quanto emerge dall’indagine di Coldiretti Puglia, condotta nei mercati dei contadini di Campagna Amica, dove è tornata la sfilata dei dolci regionali ‘fai da te’ della Settimana Santa. A gravare sulle tasche dei pugliesi i rincari del carrello della spesa, che ha fatto salire anche i prezzi dei prodotti di pasticceria, con aumenti di oltre il 7% per le uova di cioccolato.

Tante le prelibatezze tipiche del Tacco d’Italia e le novita’ per i piu’ golosi: dalle colombe agricole al caciovo, il caciocavallo con la dolce sorpresa all’interno che ‘si crede’ uovo di Pasqua. Dalle scarcelle alla cuperta.

Tra i dolci che piu’ caratterizzano la tradizione delle tavole pugliesi a Pasqua, proprio le scarcelle. Un dolce dagli ingredienti poveri e semplici come uova farina, latte e olio che danno vita ad una pasta frolla speciale. Le scarcelle sono piccole “ciambelle” ricoperte di glassa di zucchero (il naspro), a forma di cuore, cerchio, cestino o colomba. Generalmente la squarcella foggiana o scarcella barese viene decorata con delle uova sode dipinte, granella e confettini colorati.

I taralli dolci vengono serviti nei giorni di Pasqua come dolce di fine pasto o regalati come buon auspicio. Un altro dolce tipico della tradizione pasquale in Puglia è l’agnello di pasta di mandorle. La sua origine resta incerta: secondo alcuni di tratterebbe di una ‘invenzione’ di una monaca leccese che nel 1680 ne scrisse la ricetta. Compaiono riferimenti a questo dolce persino nel “De honesta voluptate et valetudine” scritto da Bartolomeo Sacchi detto il Platina, umanista e gastronomo Italiano del 1400. Ancora in Puglia, c’è spazio per La Cupeta salentina, detta anche Cupeta leccese: un croccante o torrone di mandorle protagonista indiscusso delle feste pasquali. Infine le puddhriche: preparati gastronomici tipici Salentini, sia in versione salata che dolce. Insomma, anche a Pasqua la tradizione pugliese a tavola e’ ricchissima.