Avvio del Bonus Idrico in Basilicata: presentazione domande dal 29 gennaio

Agevolazioni sul servizio idrico per famiglie lucane con ISEE sotto i 30 mila euro

A seguito di un’iniziativa promossa dalla Regione Basilicata, si annuncia l’apertura delle domande per il “bonus idrico” a partire da lunedì 29 gennaio 2024. Questa misura è rivolta alle famiglie residenti nella regione con un reddito ISEE non superiore ai 30 mila euro. Il bonus prevede una riduzione dei costi in bolletta per il servizio idrico, fognario e depurativo, incluse le quote fisse, per un consumo massimo di 20 metri cubi all’anno per ogni membro del nucleo familiare.

Le richieste possono essere inoltrate tramite moduli disponibili sia in formato cartaceo che elettronico, reperibili sul sito web dell’Acquedotto Lucano. I moduli sono adatti sia per utenti diretti (titolari di un contratto di fornitura idrica personale) che indiretti (coloro che usufruiscono di un contratto intestato al condominio).

La consegna dei moduli cartacei può avvenire direttamente presso uno dei 18 sportelli dell’Acquedotto Lucano oppure via posta ordinaria all’indirizzo specificato. Per la versione elettronica, invece, è possibile inviare il modulo all’indirizzo e-mail dedicato.

Per assistenza nella compilazione del modulo, è disponibile un numero verde e uno sportello online dell’Acquedotto Lucano, entrambi consultabili sul sito ufficiale (link al modulo in PDF).

Il Bonus idrico è reso possibile grazie a un accordo con le compagnie petrolifere Eni e Shell, che finanziano il progetto “Energie rinnovabili per la sostenibilità del settore idrico lucano”. Il progetto comprende la realizzazione di tre impianti fotovoltaici in Basilicata, per una potenza installata totale di 49 MWp, destinati a servire gli impianti dell’Acquedotto Lucano. Con un investimento di 55 milioni di euro, questi impianti saranno finanziati e realizzati direttamente da Eni e Shell. Durante la costruzione degli impianti, le compagnie forniranno energia all’Acquedotto a un prezzo ridotto, portando a un significativo risparmio sia per il bilancio dell’Acquedotto che per le bollette degli utenti.

Per l’assessore all’Ambiente ed Energia della Regione Basilicata, Cosimo Latronico, “si tratta di un ulteriore ed importante passo verso la sostenibilità e l’efficientamento energetico nella nostra regione, iniziato con la legge sul ‘Bonus gas’ del 2022 che determinerà un notevole passo in avanti verso la transizione green del gestore del servizio idrico integrato, con ricadute dirette sul risparmio in bolletta per le famiglie lucane”.