Taranto, lavoratori Cittadella della Carità tornano in piazza: chiedono pagamento tredicesima

Tornano in presidio i lavoratori della Cittadella della Carità di Taranto dopo non essersi visti corrispondere la tredicesima mensilità. Questa, però, è soltanto “la goccia che ha fatto traboccare il vaso” spiegano i lavoratori, visto il grande clima di incertezza che investe il futuro della struttura sanitaria.

Lo scorso novembre, infatti, l’arcivescovo Ciro Miniero aveva anticipato il fitto di ramo d’azienda della casa di cura Arca’ e del Poliambulatorio della Cittadella della Carità al gruppo di strutture sanitarie Neuromed, ma al momento nessuna novità.

Quello che i lavoratori chiedono in piazza è non soltanto la corresponsione della tredicesima mensilità, ma anche il miglioramento delle condizioni di lavoro che, al momento, sarebbero precarie.

Tanta l’amarezza da parte dei dipendenti della Cittadella della Carità che nei giorni scorsi hanno ricevuto un comunicato in cui si annuncia, senza però prevedere una data, la corresponsione di una prima parte della tredicesima.