Welfare in Italia: Bolzano guida, Sud in ritardo con Basilicata, Campania e Calabria

Il Welfare Italia Index 2023 evidenzia il persistente divario tra Nord e Sud del Paese

Bolzano si posiziona al primo posto nella classifica del Welfare Italia Index 2023 con un punteggio di 83,3, seguita da Trento e Emilia Romagna con rispettivamente 81,4 e 76,3 punti. Le regioni meridionali, tra cui Basilicata, Campania e Calabria, risultano invece in coda.

La differenza tra la regione più performante e quella meno performante è di 26,6 punti, segnalando una costante polarizzazione nel sistema di welfare tra il Nord e il Sud Italia.

Il Think Tank “Welfare, Italia” suggerisce un nuovo patto generazionale che affronti le sfide demografiche, inflattive e salariali. Le proposte includono un investimento maggiore nell’assegno unico, congedi parentali neutrali dal punto di vista del genere, incentivi per l’immigrazione di stranieri qualificati, maggiori investimenti nel sistema sanitario, maggiore flessibilità nel sistema previdenziale integrativo e un piano per potenziare il ruolo dei centri per l’impiego.

Il rapporto illustra anche l’indicatore sintetico del Welfare Italia Index 2023, che valuta sia la spesa in welfare che i risultati prodotti da tale spesa. Rispetto ai dati del 2022, la tendenza alla polarizzazione tra le regioni del Nord e del Sud persiste.

In occasione del “Welfare, Italia Forum 2023″, il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha sottolineato l’importanza di rispondere tempestivamente ai cambiamenti demografici, finanziari e sociali in atto. Ha richiamato l’attenzione sulla necessità di affrontare le sfide comuni all’Unione Europea e di utilizzare il Pilastro europeo dei diritti sociali come guida. L’invecchiamento della popolazione pone sfide significative, ed è essenziale sviluppare strumenti efficaci per sostenere tutte le fasi della vita delle persone.

Il servizio di Francesco Giusto