Matera, Urso a Confindustria: automotive al centro nei colloqui tra Italia e Francia

Parlando da remoto il Ministro del Made in Italy: a Roma la firma di 16 punti di cooperazione tra i due Paesi si concentra sull’industria automobilistica

Durante i colloqui tra Italia e Francia, il settore automotive è emerso come una questione centrale. Il Ministro dello Sviluppo Economico, Giancarlo Urso, ha sottolineato come, dopo la Germania, la Francia sia il secondo produttore di auto in Europa e l’importanza della cooperazione tra i due Paesi in questo settore strategico.

Sono stati firmati 16 punti di condivisione e collaborazione tra l’Italia e la Francia, molti dei quali riguardano l’industria automobilistica. Tra le principali questioni discusse, c’è stata l’importanza della ricerca e dell’innovazione per migliorare l’efficienza energetica dei veicoli e ridurre le emissioni nocive.

Il Ministro Urso ha inoltre sottolineato l’importanza di rafforzare la catena del valore dell’industria automobilistica europea, soprattutto alla luce della crescente concorrenza da parte dei produttori asiatici.

La cooperazione tra Italia e Francia nel settore automotive potrebbe portare a importanti benefici economici e occupazionali per entrambi i Paesi, soprattutto in un momento di ripresa economica post-pandemica.