Caro Energia, Coldiretti Puglia: “Sarà autunno caldo: aumenti del +220% costano ad aziende 1,4 mld”

Sarà un autunno caldo per aziende agricole, frantoi e serre. E’ la stima di Coldiretti Puglia che calcola un’impennata del 220% dei costi di produzione per il comparto che supera complessivamente la cifra di 1,4 miliardi di euro. “L’aumento dei costi energetici e delle materie prime è causato dalla guerra in Ucraina”, fa sapere Coldiretti, e sta mettendo a rischio “oltre 20mila le aziende agricole pugliesi, quasi un terzo del totale (34%), che si trovano oggi costrette a produrre in perdita a causa dei rincari e delle speculazioni”.
“Un bilancio pesante – si legge ancora nella nota diffusa – che nell’estate ha gravato sugli agriturismi e sulle spese per la gestione e l’irrigazione di fattorie e stalle, ma che con l’arrivo dell’autunno peserà in maniera preoccupante su frantoi e serre anche per il l’aumento esponenziale dei prezzi del gas con la bolletta del bimestre schizzata alla stelle, mentre le aziende agricole, agrituristiche e agroalimentari fanno i conti con spese di energia, carburante, mangimi per l’alimentazione degli animali ormai insostenibili”.
“Il risultato è che – sottolinea la Coldiretti Puglia – più di 1 azienda agricola su 10 (11%) è in una situazione così critica da portare alla cessazione dell’attività ma ben circa 1/3 del totale nazionale (30%) si trova comunque costretta in questo momento a lavorare in una condizione di reddito negativo per effetto dell’aumento dei costi di produzione (secondo le elaborazioni del Crea)”.
“Nelle campagne – continua la Coldiretti regionale – si registrano aumenti dei costi che vanno dal +170% dei concimi al +90% dei mangimi al +129% per il gasolio. In difficoltà è però l’intera filiera”. L’associazione degli agricoltori chiede non solo interventi immediati
per contenere il caro energia e i costi di produzione, in modo da salvare le aziende a rischio, ma anche una visione piu’ a lungo termine per lo sviluppo e un maggior utilizzo di fonti energetiche alternative.