Legalità: Confindustria Basilicata aderisce a Protocollo Viminale

A Potenza conferenza stampa con Campanaro e Somma

Confindustria Basilicata ha aderito al Protocollo di legalità siglato dal Ministero dell’Interno con l’organizzazione nazionale degli industriali lo scorso 1 giugno: stamani, in una conferenza stampa che si è tenuta nella Prefettura del capoluogo lucano, i dettagli sono stati illustrati dal prefetto di Potenza, Michele Campanaro, e dal presidente della Confindustria lucana, Francesco Somma. In particolare, il Protocollo prevede che per le imprese che aderiscono dovrà sempre essere richiesta l’informazione antimafia, mentre per i fornitori delle stesse imprese aderenti dovrà essere richiesta la comunicazione antimafia per i contratti di importo superiore a centomila euro e l’nformazione antimafia per quelli con un importo superiore ai 150 mila euro. “E’ un importante passo in avanti – ha evidenziato il prefetto – anche rispetto agli impegni che discenderanno dai flussi di finanza e di soldi, non solo pubblici, del Pnnr. Attraverso il rilascio delle credenziali – ha aggiunto Campanaro – abilitiamo Confindustria Basilicata ad accedere alla banca dati nazionale unica della certificazione antimafia”. Il prefetto ha poi ricordato che nei primi sette mesi del 2022, in provincia di Potenza, sono state emesse 14 interdittive antimafia: “Questo dato, enorme per questa provincia, è un campanello d’allarme e ci ricorda che dobbiamo essere sempre molto cauti”. Per Somma, “la nostra adesione rappresenta un momento importante e rafforza un sistema industriale lucano che consideriamo sano, ma di certo non esente dalle attenzioni della criminalità organizzata. Noi – ha concluso il presidente di Confindustria Basilicata – promuoveremo questo Protocollo tra le nostre imprese e sono convinto che in molte aderiranno”.

“Alle forze politiche, così come fanno i cittadini, chiediamo serietà”. Così il presidente di Confindustria Basilicata, Francesco Somma, ha risposto a una domanda sulle elezioni, stamani, nella Prefettura di Potenza, a margine di una conferenza stampa in cui è stata illustrata l’adesione dell’organizzazione al Protocollo di Legalità del Viminale. “Mi auguro – ha proseguito Somma – che questa campagna elettorale agostana sia improntata su programmi credibili e non su proclami. Abbiamo bisogno sicuramente di risorse economiche, ma ancora di più abbiamo bisogno di riforme. L’appello che facciamo a tutte le forze politiche quindi è che – ha concluso il presidente della Confindustria lucana – si superino gli slogan e si pensi a cose concrete”.