Basilicata, Gal: approvate procedure assegnazione risorse per 10,2 milioni di euro

Con deliberazione di Giunta oggi sono state approvate le procedure per l’assegnazione ai Gal delle risorse aggiuntive, rivenienti dal Reg (UE) 2220/2020 per l’anticipo delle annualità Pac 2021 e 2022 nella programmazione 2014-2022, destinate alla Misura 19 Sviluppo Locale di tipo partecipativo, che ammontano complessivamente a 10 milioni e 230 mila euro. Ne dà notizia l’assessore per le Politiche agricole, forestali, alimentari, Francesco Cupparo.

Le risorse aggiuntive saranno assegnate alle cinque aree Leader delimitate in Basilicata: “Lagonegrese, Alto Sinni, Val Sarmento, Mercure, Pollino”; “Matera Orientale Metapontino”; “Alto Bradano”; “Nord Occidentale Basento Camastra”; “Montagna Materana”, che comprende anche le aree del Sauro e della Media e Alta Val d’Agri.

I finanziamenti saranno attribuiti ai Gal operativi sulle Sottomisure 19.2 e 19.4, che gestiscono le strategie di sviluppo locale di tipo partecipativo sulle aree: Gal “La Cittadella del Sapere Srl”, operativo per l’area “Lagonegrese, Alto Sinni, Val Sarmento, Mercure, Pollino”; Gal “START2020 Srl”, operativo per l’area “Matera Orientale Metapontino”; Gal “LUCUS esperienze rurali Srl”, operativo per l’area “Alto Bradano”;Gal “Percorsi Srl”, operativo per l’area “Nord Occidentale Basento Camastra”.

Diversa la situazione del quinto Gal, “Lucania Interiore Srl”, la cui operatività sull’area denominata “Montagna Materana”, che comprende anche le aree del Sauro e della Media e Alta Val d’Agri, è stata sospesa in conseguenza dell’Ordinanza del Consiglio di Stato N. 02001/2020 del 17.04.2020. Le risorse aggiuntive assegnate a questa area a valere sulle Sottomisure 19.2 e 19.4, pertanto, non saranno attribuite al Gal “Lucania Interiore Srl”, ma temporaneamente accantonate, in attesa della risoluzione delle problematiche che hanno determinato la sospensione dell’operatività del Gal da parte del Consiglio di Stato. Nel caso entro il 31 dicembre 2022 non si verificassero tali condizioni, le risorse previste per la quinta area, momentaneamente accantonate, potranno essere assegnate alle altre quattro aree secondo ii criteri definiti. Nel caso, invece, si verificassero tali condizioni, l’Autorità di Gestione del Psr Basilicata, con proprio atto, avvierà la procedura per l’attribuzione delle risorse aggiuntive anche per la quinta area.

Come previsto nella sezione 8.2.15.3.1.11 della versione 10.1 del Psr Basilicata 2014-2022, l’attribuzione delle risorse a valere sulla sottomisura 19.2 e, nella percentuale massima del 25% della spesa riferita alla sottomisura 19.2, alla sottomisura 19.4, avverrà con questo sistema: 50% in base alle caratteristiche dell’area, secondo i criteri già utilizzati per l’assegnazione delle risorse Snai FESR/FEASR nella dgr n. 53 del 31 gennaio 2017. Ovvero 12,5% sulla base della popolazione residente per ciascuna area; 12,5% sulla base dell’indice di variazione demografica (spopolamento); 25% sulla base della superficie totale dell’area.

Le risorse aggiuntive saranno così distribuite tra le differenti Sottomisure:

Sottomisura 19.1 – Sostegno preparatorio: 300.000 euro
Sottomisura 19.2 – Sostegno all’esecuzione degli interventi nell’ambito della strategia di sviluppo locale di tipo partecipativo: 6.664.000 euro
Sottomisura 19.3 – Preparazione e realizzazione delle attività di cooperazione del gruppo di azione locale :1.600.000 euro
Sottomisura 19.4 – Sostegno per i costi di gestione e animazione: 1.666.00o euro
Le risorse della sottomisura 19.1 destinate alla preparazione delle strategie locali a norma del nuovo quadro giuridico saranno assegnate secondo una apposita procedura, da attivare a Piano Strategico Nazionale 2023-2027 definito.

Successivamente all’avvio della procedura per l’attribuzione delle risorse aggiuntive destinate alla Misura 19 – SLT, invece, saranno assegnate anche le risorse destinate alla Sottomisura 19.3, riaprendo la procedura ex DGR n. 1213/2017 (Sottomisura 19.3 – Procedure amministrative e spese ammissibili per la Cooperazione), e ss. mm. ii., appositamente aggiornata.

Con la deliberazione approvata, pertanto, ai procede all’attribuzione delle risorse a valere sulle Sottomisure 19.2 e 19.4, quest’ultima determinata nella misura del 25% della prima, ai sensi della vigente normativa comunitaria.

L’assessore Cupparo evidenzia che si è tenuto anche conto dei suggerimenti formulati dalla Corte dei Conti, sezione Basilicata, nella relazione su “L’utilizzo dei fondi comunitari da parte dei Gruppi di Azione Locale operanti in Basilicata”, consistente in una “Analisi dei flussi finanziari e delle ricadute socioeconomiche in Basilicata conseguenti all’attività dei G.A.L. nell’ambito della politica di sviluppo delle zone rurali fra il 2007 ed il 2020”. I suggerimenti della Corte dei Conti, a tutti gli effetti equiparabili a raccomandazioni, ai quali si offre una prima risposta con le disposizioni contenute nella delibera, riguardano l’avvio tempestivo della fase di transizione, attraverso la riduzione e la certezza dei tempi intercorrenti tra l’avvio della fase di riprogrammazione e la sua conclusione, con l’adozione di una procedura che consenta ai GAL la piena operatività entro quattro mesi dalla sua attivazione; il maggiore effetto “autopropulsivo” del sostegno LEADER sul territorio, attraverso il finanziamento di investimenti pubblici e privati in grado di autosostenersi nel tempo, oltre la fine dell’effetto incentivante del sostegno ricevuto, puntando su attività che massimizzano l’incontro tra domanda e offerta e, puntando su strutture di più semplice e meno costosa attivazione;

la riduzione all’essenziale e al necessario del ricorso alle operazioni attuate in modalità “regia diretta GAL”, al netto di quelle riferite al Funzionamento dei GAL e ai Progetti di cooperazione Leader, ufficialmente ed espressamente previste in tali modalità dai vigenti regolamenti comunitari, i cui limiti sono già definiti negli stessi regolamenti, piuttosto che nei PSR approvati con decisioni della Commissione europea.