Basilicata. Legge regionale per sostenere editoria

Una legge regionale a sostegno dell’editoria con stanziamento economico iniziale di 400 mila euro per le annualità 2022 e 2023. E’ quanto varato dalla Giunta Bardi che dice: “un primo passo aperto a modifiche e integrazioni per sostenere il settore in Basilicata”.

Favorire la presenza e lo sviluppo delle imprese del settore, quali radio, tv, carta stampata, sia quotidiana che periodica – anche on line – e agenzie di stampa – mediante la tutela del lavoro giornalistico regolarmente contrattualizzato e retribuito, la promozione dell’innovazione radiotelevisiva, modernizzazione del sistema di produzione e la pluralità dell’informazione locale sul diritto al cittadino di essere informato sul funzionamento della pubblica amministrazione. E’ quanto prevede il disegno di legge di sostegno all’editoria varato dalla giunta Bardi: da fondi statali ed europei, attestati in totale 400 mila euro su capitoli specifici e suddivisi per le annualità 2022 e 2023.
“Annunciato da tempo – ha specificato il governatore in conferenza stampa – si tratta di un primo passo aperto all’analisi degli stakeholders, per modifiche e integrare lo strumento”. Tra le finalità, inoltre, stimolare l’auto produzione e l’autoimpiego dei giovani professionisti, anche con iniziative di formazione.