GdM: comitato di redazione annuncia azioni legali. Emiliano: “Io sto con la Gazzetta”

I 134 dipendenti della Gazzetta del Mezzogiorno hanno annunciato, dopo due mesi di stop forzato, di voler passare alle azioni legali, smettendo così di attendere passivamente il ritorno in edicola del quotidiano. Nelle scorse ore, il comitato di redazione ha diffuso un durissimo comunicato in cui vengono annunciate azioni a tutela dei diritti dei lavoratori della storica testata.

Parole forti quelle del cdr, non solo nei confronti delle imprese coinvolte nella procedura, ma anche verso la politica, accusata di immobilismo da tutta la redazione. “Sono ormai due mesi, nel silenzio colpevole delle istituzioni, che i giornalisti della Gazzetta del Mezzogiorno sono costretti all’inattività e alla cassa integrazione a zero ore insieme ai colleghi poligrafici”: è quanto si legge nella nota che ha subito innescato una serie di messaggi di solidarietà.

Su tutti quello del presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, che ha parlato su Facebook di vuoto gravissimo nella storia dell’informazione che colpisce direttamente la nostra comunità. “La mia vicinanza e partecipazione rispetto a quanto sta avvenendo è totale – ha proseguito Emiliano – non solo quando ne parlo come adesso pubblicamente, ma ogni giorno, perché seguo questa vicenda in maniera costante. Io – ha concluso – sto con la Gazzetta, sempre e in ogni caso”.