Agricoltura in Puglia, incontro tecnico tra il ministro Patuanelli e l’assessore Pentassuglia

Temi centrali dell’incontro: “credito di imposta” e “revisione dei prezzi”

Un incontro digitale per parlare di cumulabilità del credito di imposta e di revisione dei prezzi. La Puglia continua a scommettere sull’agricoltura e per farlo, cerca di sciogliere gli ultimi nodi legati anche al PSR.

I temi sono stati affrontati dal ministro delle politiche agricole Stefano Patuanelli e dall’assessore all’agricoltura della Regione Puglia Donato Pentassuglia. L’assessore ha premuto su due temi del Psr sui quali da tempo le associazioni di categoria hanno chiesto attenzione, perché toccano direttamente la possibilità da parte delle aziende di concretizzare investimenti utili a superare il momento di crisi economica.

Il primo punto riguarda dunque la cumulabilità del Psr con il credito di imposta. In buona sostanza, al momento se un agricoltore è beneficiario delle misure del Programma di sviluppo rurale non può fruire di nessun altro aiuto compreso il credito di imposta.

L’altro tema è quello della revisione dei prezzi. Tra le conseguenze più preoccupanti della pandemia covid vi è sicuramente l’aumento dei prezzi delle materie prime che, in certi casi, è ingrossato a dismisura. Questi aumenti si stanno riversando a cascata sui prezzi dei prodotti finiti, con particolare riferimento a macchine e attrezzi agricoli. Ciò causa un forte squilibrio tra la spesa ipotizzata dai beneficiari (o potenziali tali) dei finanziamenti previsti nelle misure strutturali del PSR Puglia 2014-2020 al momento della presentazione dei preventivi che hanno corredato le domande di Sostegno e quanto offerto al momento dal mercato.

Senza modificare l’impegno di spesa totale preventivata, ne aumentando le risorse finanziarie, è stato chiesto al ministro la possibilità di attivare una sorta di procedura di revisione dei prezzi, eventualmente attraverso l’ausilio della presentazione di nuovi preventivi.