ZES jonica, Regione Basilicata candida quattro progetti per 110 milioni di euro

Sono quattro i progetti, per 110 milioni di euro totali, per l’area lucana della ZES interregionale Jonica, candidati dalla Regione Basilicata al Ministero per il Sud, dopo l’accelerazione impressa dal Pnrr per l’avvio delle otto ZES del Mezzogiorno, e dopo l’annuncio del fondo di 630 milioni per il Sud, per i prossimi cinque anni, della ministra Carfagna. Nel particolare, i progetti riguardano l’infrastrutturazione primaria, secondaria e dei servizi di parte dell’area ZES di TITO (per 20 milioni); l’urbanizzazione, infrasttrurazione primaria, secondaria e dei servizi dell’intera area ZES di JESCE E LA MARTELLA (MT) (per 30 milioni); e ancora, l’urbanizzazione, il ripristino, l’adeguamento e potenziamento dei servizi nell’area ZES di MELFI (15 milioni); l’urbanizzazione infine della piattaforma logistica Val Basento (45 milioni). Nella ripartizione dei 630 milioni, in gran parte provenienti proprio dal Piano nazionale di ripresa e resilienza, 50 toccheranno alla Basilicata: 20 per le aree industriali della provincia di Potenza e 30 per quelle della provincia di Matera. “Contestualmente alla prima tranche di risorse – aggiunge l’assessore regionale alle Attività produttive, Cupparo – il Governo ha destinato quasi due miliardi da spendere per porti e reti ferroviarie, connettendo meglio il Meridione al resto d’Europa, per noi questione prioritaria”, per “rendere attrattiva – conclude – la regione, più aperta agli investimenti nazionali ed internazionali in tutti i comparti produttivi come già sta accadendo con Stellantis e Ferrero”.