Economia. Confcommercio Potenza: Zona bianca per vera ripresa settoriale

Solo la “zona bianca” può consentire una più consistente ripresa nei settori commercio e servizi e, se tutto procede secondo le previsioni degli scienziati, il 21 giugno anche la Basilicata potrebbe ritrovarsi in “zona bianca” con un incremento immediato del fatturato mensile per le sole attività commerciali che il nostro Centro Studi calcola tra il 7 e il 10% rispetto alle attuali condizioni della zona gialla.
A sostenerlo è la Confcommercio provinciale di Potenza, evidenziando che già in pochi giorni di spostamento del coprifuoco alla mezzanotte sono indicativi gli aumenti nei consumi sul territorio, specie per ristoranti, bar-pub, locali pubblici.

Ad emergere è il ritorno nelle serali a beneficio del settore della ristorazione, stando alle previsioni, in numero maggiore con l’abolizione totale del coprifuoco. La zona bianca, come visto in altre regioni, sarebbe un passaggio fondamentale per stabilizzare la normalità delle attività commerciali, in ottica anche degli acquisti di vicinato. Ad oggi, pesa il dato di aprile sui consumi, secondo l’Ufficio Studi di Confcommercio, “fortemente condizionate dalla pandemia”, unito al calo rispetto a marzo che “indica qualche inerzia nel processo di trasformazione dell’incremento nella fiducia in maggiori spese”.

Nel confronto annuo, registrati aumenti a tre o a due cifre per molti segmenti del non alimentare, ma non va meglio per abbigliamento e calzature, dove le vendite del primo quadrimestre sono inferiori di oltre il 33% rispetto allo stesso periodo del 2019. Necessarie politiche di sostegno mirato alle imprese più colpite, “la cui attività economica – conclude il Centro Studi – difficilmente recupererà il terreno perso prima dell’inizio del 2023”.