Ex Ilva: sindacati proclamano sciopero del personale Colata Continua il prossimo 21 maggio

Braccia conserte per 24 ore il 21 maggio per i lavoratori degli impianti Colata continua 2-3-4 di Acciaieria 2 dello stabilimento siderurgico Acciaierie d’Italia (ex Ilva). Lo sciopero è stato proclamato dalle sigle sindacali Fim, Fiom e Uilm per protestare contro il licenziamento di un lavoratore e la sospensione di altri due operai in seguito all’incidente avvenuto lo scorso 5 aprile, giorno di Pasquetta, nel reparto CCO2. Una “reazione in paniera” provocò un’esplosione seguita da un incendio in fase di colaggio. Non ci furono conseguenze per i lavoratori e il ciclo produttivo non fu interrotto. L’azienda ha prima sospeso e poi licenziato l’addetto al pulpito principale, cioè la postazione di controllo, presente nel primo turno di lavoro. Secondo i sindacati la “reazione in paniera” fu “dovuta al contatto tra acciaio e acqua a causa di una perdita al sistema di raffreddamento del sensore del livello acciaio in lingottiera. L’evento quindi non è da attribuire a responsabilità dei lavoratori, quanto piuttosto ad un malfunzionamento di tipo tecnico tanto da inibire l’utilizzo stesso delle lingottiere”. I coordinatori di fabbrica rispondono con lo sciopero a chi cerca di creare un clima di terrore all’interno dello stabilimento, scaricando le responsabilità verso il basso. “Nei prossimi giorni, in preparazione dello sciopero, programmeremo delle assemblee con i lavoratori di CCO2 per dire stop ai licenziamenti”, hanno ricordato i sindacati.