Bari, in piazza il funerale del mondo dello spettacolo

Decine di bare, ognuna con uno strumento del mestiere. “I veri morti sono altri, ma siamo veramente disperati”

Centodieci bare, una per ogni pezzo di attrezzatura rimasto inutilizzato nell’ultimo anno e che ogni giorno perde di valore nei magazzini. I lavoratori del mondo dello spettacolo alzano il tiro e riempiono Piazza Prefettura a Bari di sepolcri bianchi sulle note del requiem.

Accanto alle bare, un libro per raccogliere le testimonianze di tutti i partecipanti, da inviare al Governo.

Una protesta forse discutibile, tanto che gli stessi organizzatori ci tengono a specificare la differenza con i veri morti.