Commercio, In otto anni chiuse 96 attività a Potenza e 22 a Matera. Nella città dei Sassi invece alberghi triplicati

 

Negli anni trascorsi dal 2012 al 2020, a Potenza il numero dei negozi sceso di 96 unità, “di cui 66 nel centro storico e 30 in altre aree urbane”: lo ha reso noto Confcommercio , sulla base di dati di un rapporto dell’ufficio studi dell’organizzazione. “In controtendenza – ha spiegato l’organizzazione – sono aumentati bar e ristoranti: più 20 nel centro storico e 58 nelle altre aree del capoluogo”.

Nella città di Matera invece tra il 2012 e il 2020 il numero dei negozi è diminuito di 20 unità. Sei quelle che erano situate nel centro storico. Le attività scomparse sono esercizi non specializzati, prodotti alimentari, tabacchi e casalinghi. Le attività ricettive e di ristorazione, complice la spinta di Matera Capitale europea per il 2019 sono aumentate in modo esponenziale. Il numero di alberghi presenti nel centro storico della città dei Sassi è passato da 17 nel 2019 a 84 nel 2020. Fuori dal centro storico invece in 8 anni gli alberghi sono diventati 93. Anche il numero delle attività di ristorazione è cresciuto di ben 81 unità.

L’ufficio studi di Confcommercio ha detto che nel periodo considerato è ” proseguito il processo di desertificazione commerciale: dalle città italiane sono sparite, complessivamente, 77 mila attività di commercio al dettaglio e quasi 14 mila imprese di commercio ambulante.