“Siamo eroi dimenticati”: protestano gli operatori OSS a Bari. Al loro fianco scende la CGIL Puglia

Gli occhi lucidi e la voce rotta dal pianto. Lei è solo uno dei 800 Operatori Socio Sanitari, assunti con contratti a termine, scaduti lo scorso 31 dicembre e che adesso chiedono solo spiegazioni.

Il personale OSS è risultato determinante per affrontare la prima e seconda ondata pandemica e adesso hanno perso il loro lavoro. Senza risposte in modo particolare a Foggia e nella sesta provincia.

Operatori Socio Sanitari, ma anche mamme di famiglia, figli e figlie, persone che hanno combattuto con il covid