La Mozzarella di Gioia del Colle è Dop

Iscrizione registro Ue dopo diatriba con Germania e Usa

La mozzarella di Gioia del Colle ottiene finalmente il marchio DOP, dopo un iter burrascoso.

Finalmente DOP. Arriva il via libera da parte dell’Unione Europea alla denominazione per la mozzarella di Gioia del Colle. Un iter non semplice che ha visto inizialmente anche qualche scontro tra Napoli e la città in provincia di Bari. Poi con l’obiezione avanzata dalla Germania e dell’Organizzazione degli esportatori americani di formaggi sul termine “Mozzarella”, perché era da considerarsi generico e quindi non protetto.
Adesso però l’iscrizione è ufficiale nel registro delle Denominazioni di Origine Protette e delle Indicazioni Geografiche Protette. Soddisfatta il ministro del dicastero competente, Teresa Bellanova che ricorda il valore storico del prodotto sul territorio, testimoniato anche da un documentario prodotto dall’Istituto Luce nell’agosto del 1950.
“Con la Mozzarella di Gioia del Colle Dop”, sottolinea la Ministra Bellanova, “si riconosce la qualità di uno straordinario prodotto pugliese, inimitabile”.
“Dopo un lungo e non semplice iter, la mozzarella di Gioia del Colle è finalmente e ufficialmente DOP – dichiara il Sottosegretario alle Politiche Agricole, Giuseppe L’Abbate – Questa eccellenza del patrimonio gastronomico e culturale pugliese ed italiano viene finalmente riconosciuta e ai promotori vanno i miei auguri”, conclude il sottosegretario.
Il paniere costituito da 60 prodotti Dop e Igp del food e del vino pugliesi si arricchisce dunque di un prodotto rappresentativo di una filiera agricolo-zootecnica importante.