Vertenza Giuzio – Consorzio Industriale, i lavoratori sospendono lo sciopero ma chiedono una soluzione definitiva

Sciopero del 19 ottobre sospeso dai lavoratori della Giuzio, che operano nelle aree industriali della provincia di Potenza. A comunicarlo sono state le segreterie regionali di Fim, Fiom e Uilm.

La decisione arriva dopo la comunicazione da parte di ASI, il consorzio per lo sviluppo industriale della provincia di Potenza, di liquidare ai lavoratori entro sette giorni la quota residua, parti al 50%, dello stipendio di agosto. La vertenza dei lavoratori della Giuzio ha una storia lunga, circa ventennale, e coinvolge 60 famiglie lucane che non possono contare su una stabilità occupazionale scaturita dall’annunciata rivoluzione del consorzio Asi, di fatto mai attuata. Nelle ultime ore tuttavia si è tenuto un lavoro sinergico, scrivono i sindacati in una nota stampa, tra tutte le parti coinvolte convocate dall’assessore regionale Cupparo. Non siamo davanti alla risoluzione della vertenza ovviamente, scrivono ancora i sindacati, perché parliamo di “elemosina” di una quota residua.

Lo sciopero avrebbe causato un’ulteriore rallentamento delle attività industriali nella nostra Regione e vogliamo dimostrare, concludono, ancora una volta che i lavoratori della Giuzio sono un valore per la Basilicata. Confermato tuttavia lo sciopero del 26 ottobre, che potrebbe essere sospeso nel caso venga trovata una soluzione duratura.