Popolare di Bari, eletto il Cda: monocolore Mcc, De Gennaro presidente

L’ex capo della polizia a capo della banca, dentro anche Capano, Fusco e Cozzoli

Concluse le elezioni del CdA della Banca Popolare di Bari, che sarà guidato dall’ex capo della Polizia Gianni de Gennaro.

Un plebiscito a favore della proposta di Mediocredito Centrale, che detiene il 97% delle azioni dell’istituto di credito. Il nuovo presidente di Banca Popolare di Bari è Giovanni De Gennaro, ex presidente di Leonardo ed ex capo della Polizia. Giampiero Bergami, attuale direttore generale, è il nuovo amministratore delegato. Sono stati eletti, insieme con gli altri cinque componenti del Cda della banca, con il 96,817% del capitale sociale complessivo, cioè dei voti dall’assemblea ordinaria degli azionisti. Hanno votato 174 dei circa 69 mila azionisti. Eletti nel Cda, come da proposta di Mediocredito Centrale, chedetiene il 97% delle azioni della banca, anche Elena De Gennaro, Cfo di Mcc, la docente universitaria Paola Girdinio e i tre avvocati pugliesi Cinzia Capano, Roberto Fusco e Bartolomeo Cozzoli. Con la stessa percentuale del 96,8% sono stati eletti dall’assemblea i componenti del collegio sindacale, il presidente Luca Aniasi, con compenso di 40 mila euro, sindaci effettivi Sofia Paternostro e Raffaele Ferrara (con compenso di 25 mila euro), sindaci supplenti Marcella Galvani e Gandolfo Spagnuolo. I nuovi organi della Popolare di Bari eletti saranno in carica per il prossimo triennio, fino al 2022. Per Antonio Blandini, che esaurirà insieme al collega Enrico Ajello il suo mandato di commissario non appena il nuovo Cda entrerà in carica, “sono stati dieci mesi complicati ma c’è la soddisfazione di essere riusciti ad arrivare a questo risultato per i clienti, per gli azionisti, per i dipendenti per i territori interessati. Di questo siamo contenti”. “Adesso – ha aggiunto – alla nuova governance spetta il compito di portare avanti per il prossimo triennio la banca nella prospettiva indicata dal piano industriale e dalle scelte che da oggi in poi verranno fatte”.