Vertenza amianto ex Firema: burocrazia rimanda diritto alla pensione

E’ rimandato alla legge di bilancio 2021 il diritto maturato alla pensione per i 50 lavoratori esposti all’amianto presso l’ex Firema trasporti, oggi TFA di Tito. La conferma arriva a margine dell’incontro in Prefettura a Potenza con i sindacati Fim, Fiom e Uilm Basilicata.

Vedere riconosciuto il diritto maturato alla pensione derivante dalla loro esposizione all’amianto. E’ quanto chiesto dai sindacati Fim, Fiom e Uilm, sulla posizione dei 50 lavoratori – 20 ancora attivi – della ex Firema trasporti, oggi TFA di Tito. Un presidio si è tenuto sotto la Prefettura a Potenza, dopo gli impegni assunti a i tavoli istituzionali, a partire dal ministero del Lavoro, per ottenere quanto certificato da INPS e INAIL ma bloccato dalla burocrazia. Dure le rappresentanze sindacali, a margine dell’incontro con Annunziato Vardè: la vicenda dei fondi da destinare è stata rimandata alla legge di bilancio 2021.