Banca Popolare di Puglia e Basilicata: Firmato l’accordo sullo Smart Learning

Banca Popolare di Puglia e Basilicata ha siglato con le OO.SS. Aziendali l’accordo sullo Smart Learning, la misura concreta e utile a migliorare la fruizione, da parte del Personale Dipendente, della formazione on line su MIFID2, IVASS e altre materie.

La pandemia da covid-19 ha inciso profondamente sulle modalità di fruizione dell’istruzione: dalla scuola al lavoro, infatti, la sfida è stata trasformare la didattica frontale in lezioni a distanza, mantenendone l’efficacia.

Lo Smart Learning è l’ultima e la più avanzata generazione della formazione a distanza che, cogliendo le opportunità offerte dalle moderne tecnologie e reinterpretando il processo di apprendimento, consente ai destinatari di poter usufruire di corsi on line, assicurando vantaggi, quali: velocità nell’erogazione delle lezioni, riduzione della mobilità e maggiore attenzione al work life balance, ovvero la possibilità di migliorare la gestione del proprio tempo conciliando le esigenze di vita privata con quelle di vita lavorativa.

E’ in questo contesto che, in linea con le positive esperienze di lavoro agile condotte nella perdurante emergenza sanitaria, la BPPB ha sottoscritto con le Organizzazioni Sindacali aziendali l’Accordo sperimentale sullo “Smart Learning”, ossia una forma di fruizione della Formazione a Distanza (FAD), secondo una delle seguenti modalità a scelta del dipendente: nella residenza o presso il domicilio del lavoratore, o in una sede aziendale (anche diversa da quella di lavoro) che disponga di una specifica postazione dedicata alla formazione e-learning. Tale modalità è riservata alle risorse di rete commerciale, programmata di massima nello stesso orario in cui è prevista la consueta prestazione lavorativa e non varia gli obblighi e i diritti di ciascun lavoratore già previsti per l’attività formativa in genere.

“La formazione del Personale rappresenta una delle leve strategiche sulla quale Banca Popolare di Puglia e Basilicata continua ad investire, al fine di migliorare la propria competitività”, dichiara il Presidente Leonardo Patroni Griffi. “Tale accordo, che prosegue il percorso già avviato con lo Smart Working, risponde alle esigenze di garantire ai dipendenti la fruizione della FAD, senza che ciò vada a incidere su altri impegni lavorativi, e di favorire una maggiore conciliazione tra la vita professionale e la vita privata.”