Scuola, Uil: “In Puglia oltre 500 cattedre resteranno vuote”

Secondo il sindacato di categoria “la chiamata veloce non andrà a incidere sul precariato che resta drammaticamente irrisolto”.

L’anno scolastico è ormai alle porte e in Puglia oltre 500 cattedre resteranno vuote. Si tratta di 250 docenti di matematica e 264 di sostegno alle scuole medie di primo grado. E la Uil Scuola denuncia: «La chiamata veloce non andrà a incidere sul precariato che resta drammaticamente irrisolto». La chiamata veloce consente di scegliere una o più province in un’altra Regione per coprire, in modo volontario, i posti che restano vacanti e che diventano disponibili al termine delle operazioni di assunzione a tempo indeterminato. Ma per la Uil le aspettative si scontrano con la realtà.

Per questo motivo, secondo Turi, è indispensabili una risposta chiara e celere da parte del Governo.