Incontro in prefettura Potenza per riapertura centro accoglienza Palazzo San Gervasio

Definiti in un incontro in Prefettura a Potenza, anche per quest’anno, i criteri per l’accoglienza dei migranti presso l’ex Tabacchificio di Palazzo San Gervasio per la raccolta del pomodoro, che domani – 2 settembre – aprirà ufficialmente le porte.

E’ quanto fa sapere Coldiretti Basilicata. “Grazie alla disponibilità della Giunta regionale, alla costante e concreta attività del consigliere regionale Piergiorgio Quarto, delegato dal governatore Bardi a seguire la vicenda, e all’opera del direttore generale regionale del dipartimento Presidenza, Maria Teresa Lavieri, coadiuvata dal gruppo di lavoro presso la stessa Presidenza – fa sapere la confederazione agricola lucana – si è raggiunto un risultato che, per l’emergenza sanitaria ancora in atto, sembrava impossibile”.

“Pur con qualche comprensibile ritardo – afferma il presidente di Coldiretti Basilicata, Antonio Pessolani, – si è riusciti a organizzare un centro di accoglienza dignitoso e rispettoso delle prescrizioni sanitarie, dove potranno trovare accoglienza oltre 200 lavoratori stagionali, necessari per le imprese agricole impegnate in questa fase nella raccolta del pomodoro; un luogo dove far soggiornare adeguatamente gli extracomunitari e in tutta serenità, anche per la presenza di idonee strutture sanitarie e la vigilanza costante delle forze dell’ordine, che dovranno anche attivare misure di prevenzione dal contagio da Covid19, comprese le attività di screening un intervento sui trasporti dei lavoratori dal centro ai campi”.

Per Coldiretti si è trattato di “un risultato facilitato anche dalla disponibilità e dalla collaborazione delle organizzazioni agricole e dei sindacati che hanno da sempre creduto nella strategicità dell’apertura del centro di accoglienza per contrastare la piaga del caporalato”.

Con il centro di accoglienza aperto si favorisce la messa in trasparenza del sistema del lavoro agricolo; infatti, fino a ieri, la Coldiretti ha già comunicato agli Uffici competenti circa trecento nominativi di lavoratori extracomunitari da impegnare nella raccolta del pomodoro, di cui circa duecento interessati ad utilizzare il centro di accoglienza di Palazzo San Gervasio.

Con le stesse motivazioni, la confederazione agricola lucana prima di Ferragosto ha tenuto tutta una serie di incontri con le aziende agricole associate per informarle e formarle su tutte le procedure da utilizzare, comprese le attività di prevenzione da Covid19, e su tutte le novità che facilitano l’utilizzo dei lavoratori extracomunitari, dalla validità annuale della vista medica alla proroga al 31 dicembre dei permessi di soggiorno, dalle opportunità garantite dall’avvio, in fase sperimentale, di nuove modalità operative nella raccolta del pomodoro a quelle che sarà in grado di offrire l’Ente Bilaterale, da pochi mesi costituito.