Puglia, approvato Poc 2014-2020: risorse anti-crisi per 2,6 miliardi

Si tratta del Programma operativo complementare: una rimodulazione delle risorse comunitarie per far fronte alle difficoltà dovute alla pandemia

Approvati 2,6 miliardi di euro per il Poc Puglia 2014-2020. Si tratta del programma operativo complementare, una rimodulazione delle risorse comunitarie per finanziare la manovra anti-crisi generata dalla pandemia. La riprogrammazione dei fondi è finalizzata a favorire il raggiungimento degli obiettivi già inseriti nel Programma operativo regionale, a valere slle risorse del Fondo europeo per lo sviluppo regionale e sul Fondo sociale europeo. Le risorse, per oltre oltre due miliardi e mezzo di euro andranno a valere per il 70% sul Fondo di rotazione e per il 30% sul bilancio regionale. “Dopo l’approvazione del Poc da parte della Conferenza delle Regioni – ha dichiarato il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano – tocca ora al Cipe, il Comitato interministeriale per la programmazione economica, approvare in via definitiva il nuovo programma complementare che ci consente di proseguire gli interventi già avviati”. “Lo sforzo di rimodulazione delle risorse comunitarie che la Regione ha compiuto nei mesi scorsi in maniera rapida ed efficace, – ha aggiunto Emiliano – ha consentito una risposta immediata alla crisi generata dal Covid”. Il governatore ha poi annunciato che a queste risorse se ne aggiungeranno altre entro dicembre 2020, derivanti dalla nuova programmazione 2021-2027, da utilizzare per sostenere la Puglia in nuove strategie di occupazione e di crescita. “Ci aspettiamo – ha detto infine Emiliano – un grande lavoro di squadra con il Governo nazionale per la programmazione concertata delle risorse del Recovery fund con un’attenzione particolare agli investimenti da promuovere nelle regioni del Mezzogiorno”.