Protesta bus e taxi. CNA Basilicata: settore in ginocchio, Regione intervenga

Dinanzi la Regione Basilicata, protesta del settore trasporti su gomma voluta dalla Confederazione nazionale dell’artigianato e della piccola e media impresa di Basilicata. “La contrazione della domanda nella filiera turistica – ha detto il presidente Leonardo Montemurro – mette a rischio 200 dipendenti”

 

Tutti in fila a passo d’uomo, con clacson e cartelli, per portare all’attenzione del governo regionale le enormi difficoltà che il comparto della mobilità su gomma sta attraversando. Ben 40 tra Taxi, autovetture a noleggio con conducente, minivan e autobus, hanno manifestato a Potenza su iniziativa della sezione trasporto persone di CNA Basilicata. “Un atto dovuto” – ha precisato il presidente dell’organismo, Leonardo Montemurro – in rappresentanza di oltre 200 dipendenti in forza alle aziende”.

 

Immediato l’incontro con l’assessore regionale in materia, Donatella Merra. Il lockdown dovuto al coronavirus e relativa contrazione della domanda – hanno detto con forza gli addetti – ha causato una crisi lampante soprattutto ai trasporti a mezzo autobus nella filiera del turismo.