Coldiretti Puglia, fiori anticrisi per festa mamma

Muraglia: “Boccata ossigeno dopo crack 200mln per lockdown da Coronavirus”

Un fiore per omaggiare la propria mamma e sostenere l’iniziativa della spesa sospesa. Fiori anticrisi quindi per la Festa della Mamma dopo un lungo periodo di lockdown. Coldiretti in Puglia ha promosso nel week end iniziative nei mercati degli agricoltori a Brindisi e a Lecce, con il regalo a tutte le mamme di un fiore “made in Leverano” e l’opportunità di una offerta libera per sostenere l’iniziativa della spesa sospesa a favore delle famiglie più bisognose. “Tra i regali floreali più gettonati – spiega Coldiretti – prevalgono rose, petunie, calle e gerbere e tra le piante begonie, gerani e buganvillea. Con la Fase 2 tornano progressivamente i fiori anche nei cimiteri pugliesi dopo due mesi di chiusura forzata che ha impedito la visita degli italiani ai propri cari defunti”. “E’ una boccata d’ossigeno – dice Savino Muraglia, presidente di Coldiretti Puglia – per i floricoltori pugliesi che a causa dell’emergenza Coronavirus hanno perso 200 milioni di euro di fatturato, per i problemi sull’export, con blocchi al confine ed in dogana di tanti paesi Ue ed extra-Ue, ritardi e ostacoli nel trasporto su gomma, la chiusura dei canali distributivi ma anche il divieto di cerimonie come battesimi, matrimoni, lauree e funerali che ora riprendono ma con forti limitazioni e la cancellazione di tutte le manifestazioni fieristiche dedicate agli appassionati”.
Il settore sviluppa in Puglia, evidenzia Coldiretti, una produzione lorda vendibile di oltre 300 milioni di euro, con un risvolto occupazione di oltre 2 milioni di giornate di lavoro. Il risultato dell’emergenza con il blocco delle vendite è stato di quasi un miliardo di fiori e piante appassiti e distrutti nei vivai dove sono crollati gli acquisti di fiori recisi, di piante fiorite in vaso, le produzioni tipiche della primavera e si sono fermate anche le vendite e l’export di alberature e cespugli, in
un periodo in cui per molte aziende si realizza oltre il 75% del fatturato annuale.