“Nella fase 2 più risorse per le lavoratrici, altrimenti si rischia un ritorno al passato”

Bucci (CGIL Bari): “Non costringiamo le donne a restare a casa a occuparsi solo della famiglia”

Bene riaprire, ma servono norme che aiutino le donne che lavorano. Con le scuole chiuse e una gestione difficile della famiglia, per i sindacati sono tante le criticità che vanno affrontate in questa fase per non mettere in difficoltà soprattutto il lavoro femminile.

Il rischio, dice Bucci, è un ritorno al passato con le donne costrette a stare a casa a occuparsi della famiglia senza poter lavorare.