ArcelorMittal, Usb: “Reintegrato primo lavoratore ex Ilva in amministrazione straordinaria”

Il coordinatore provinciale Rizzo: “Per i giudici l’azienda non aveva applicato criteri previsti nell’individuare i lavoratori che avevano diritto a passare da Ilva in As ad ArcelorMittal”

 

 

È tornato a lavoro in ArcelorMittal il primo operaio ex Ilva in amministrazione straordinaria. Lo rende noto Francesco Rizzo, coordinatore provinciale dell’Usb di Taranto, sindacato al quale il lavoratore è iscritto.

 

L’operaio è stato reintegrato ieri dall’azienda in seguito alla sentenza con cui il giudice del lavoro ha condannato l’ex Ilva per condotta antisindacale. Rizzo ha aggiunto che il dipendente tornerà al proprio posto come addetto di laboratorio per ArcelorMittal e si vedrà riconosciute le indennità arretrate non versate negli scorsi mesi.

 

Secondo la sentenza del giudice, ha detto il sindacalista, nell’individuare i lavoratori che avevano diritto a passare da Ilva in amministrazione straordinaria ad ArcelorMittal, l’azienda non aveva applicato i criteri previsti. E come conseguenza ora si procede al reintegro. Rizzo ha poi concluso: “Così si interviene in questo attraverso un criterio che permette di sanare la violazione e restituire quanto ingiustamente negato”.