Emergenza Covid-19. Automotive in negativo. Lomio (Uilm Uil): A Melfi ripresa solo con Compass

Riflessi dell’emergenza Covid-19 sul settore automotive: registrato il -90,34% nelle vendite FCA a marzo. Parla il segretario regionale della UILM Basilicata, Marco Lomio: A Melfi ripresa graduale solo per il modello Compass.

Il gruppo Fca ha immatricolato a marzo 4.649 auto, il 90,34% in meno dello stesso mese del 2019 quando erano 48.109. Com’era prevedibile, netto il calo nel primo trimestre 2020 con 85.875 auto vendute, segno meno del 35% rispetto all’analogo periodo dell’anno scorso. Dal Lingotto stop produttivo confermato fino al 13 aprile sulla scia delle restrizioni governative, con periodo di cassa integrazione ai lavoratori. Nello stabilimento lucano di San Nicola di Melfi, “la ripresa – ha dichiarato il segretario regionale della Uilm, Marco Lomio, dopo un incontro con i vertici nazionali – dovrebbe avvenire gradualmente solo per i modelli Compass”. Chiesto un sostegno al reddito e soprattutto, pena il baratro del settore, un rinvio a livello europeo del regolamento sulle emissioni medie delle nuove auto vendute.

Tra i casi sollevati nel settore metalmeccanico quello dell’acciaieria Sider Potenza: dopo la mancata sicurezza ed un caso di Coronavirus – attaccano Fim, Fiom e Uilm – i vertici aziendali negano l’anticipo della cassa integrazione.