Coronavirus. Bari, alcune aziende metalmeccaniche chiudono fino al 3 aprile

L’ultimo decreto del presidente del consiglio dei ministri parla chiaro. Stop a tutte le attività produttive non essenziali. E così, alcune delle principali aziende metalmeccaniche della zona industriale di Bari chiuderanno fino al 3 aprile, facendo ricorso alla cassa integrazione ordinaria.

 

A comunicarlo, il segretario generale della Uilm di Bari, al termine di un incontro questa mattina. Alla fine ha prevalso il senso di responsabilità da parte di tutti, ha detto Falcetta, che mette al primo piano la tutela della salute dei lavoratori. La misura coinvolgerà Bosch, Graziano, Magneti Marelli, Skf e Magna International. Falcetta ha inoltre evidenziato la necessità di svolgere un’attenta ricognizione su piccole e medie imprese del territorio provinciale, per capire quali siano davvero essenziali per il bene e l’interesse collettivo e quali, invece, potranno seguire l’esempio dei grandi siti produttivi locali.