Trani. In sciopero della fame sette guardie giurate

Fino al 31 ottobre hanno sorvegliato la discarica e la sede aziendale di Amiu. Oggi i mezzi utilizzati da loro sono depositati e al loro posto sono in azione vetture e strumenti di telecontrollo marchiati Vegapol.

Sono sette le guardie giurate che hanno dato il via allo sciopero della fame ad oltranza, piazzandosi sotto la sede del Comune di Trani, dove resteranno fino a quando non otterranno risposte certe sul loro futuro e su quello delle loro famiglie. L’azienda subentrante, che aveva avuto rapporti lavorativi con Amiu circa dieci anni fa, non ha voluto assumere le sette unità in quanto non c’era la salvaguardia della clausola sociale.

Con Vegapol cambiato il contratto, la vigilanza non più fissa ma “a ronda” ha permesso all’azienda di scegliere se assumere o meno le ex guardie giurate.