Nel 2016 in Basilicata l’Agenzia delle Entrate incassa 91 milioni di euro

91 milioni di euro. E’ quanto ha incassato in Basilicata l’Agenzia delle Entrate nel 2016.

53 milioni (pari a circa il 60%), sono stati versati direttamente dai contribuenti a seguito dell’attività di accertamento, mentre 38 milioni (pari a circa il 40%), sono stati ottenuti con l’iscrizione a ruolo dei debiti tributari e la conseguente riscossione coattiva.

Trend in crescita in Italia per il terzo anno. Nelle casse dello Stato sono stati riportati 19 miliardi, la somma più alta mai recuperata dalle Entrate determinato grazie alle lettere di compliance: oltre 222mila contribuenti in tutta Italia, – precisa l’Agenzia – informati per tempo della presenza di un’incongruenza nella loro posizione fiscale, hanno scelto di rimediare autonomamente agli errori con versamento spontaneo, evitando così di arrivare all’accertamento vero e proprio, sulla base di un nuovo rapporto all’insegna della fiducia e della trasparenza reciproca.

Buone notizie anche sul fronte dei rimborsi: nel 2016 gli uffici delle Entrate hanno erogato alle famiglie e alle imprese 2 milioni e 740mila rimborsi, per un totale di oltre 14 miliardi di euro.

Anche i rimborsi Iva hanno subito una notevole accelerazione: ad oggi, infatti, sono state concluse positivamente tutte le istanze presentate fino al 31 luglio 2016.

Cresce intanto l’utilizzo dei servizi online, con oltre 6 milioni di utenti registrati, e il numero delle dichiarazioni precompilate gestite in autonomia dai cittadini: nel 2016 ne sono state inviate direttamente via web dai contribuenti 2,1 milioni.

La riscossione del canone tv tramite addebito in bolletta ha permesso infine di incassare circa 2,1 miliardi di euro, con un extragettito, rispetto agli anni precedenti, di 500 milioni.