Stretta sulle sub concessioni nei Sassi di Matera

Prima ordinanza di sgombero per uso improprio di un immobile demaniale

Il Comune di Matera ha avviato una stretta sulle concessioni dei locali nei Sassi, culminata ieri con l’esecuzione di un’ordinanza di sgombero per un immobile demaniale. L’ordinanza è stata emessa a seguito della decadenza della sub concessione, in quanto l’immobile è stato utilizzato per finalità estranee alla destinazione prevista. La notizia è stata diffusa dal sindaco Domenico Bennardi e dall’assessore ai Sassi Lucia Gaudiano, che hanno ringraziato l’ufficio Sassi e il funzionario Bernardo Olivieri per il loro impegno. “Un provvedimento maturato a seguito della costante attività di monitoraggio e controllo, che da alcuni mesi il personale tecnico e amministrativo dell’ufficio Sassi ha intrapreso su tutti i beni di proprietà pubblica”, ha spiegato l’assessore Gaudiano. L’attività di verifica è stata avviata per assicurarsi che i beni concessi e sub concessi ai privati siano utilizzati in conformità con quanto stabilito dalla legge n. 771/86.

L’assessore Gaudiano ha inoltre annunciato che nei prossimi mesi l’attività di controllo verrà ulteriormente intensificata per ripristinare la legalità. Il sindaco Bennardi ha sottolineato l’importanza di questo obiettivo per l’amministrazione: “Il ripristino delle regole e della legalità nei Sassi è per questa Amministrazione un obiettivo importante, perché base di partenza per una concreta valorizzazione degli immobili demaniali, troppo spesso utilizzati in forza di concessioni datate o non più rispettate, e per questo di fatto decadute. Quindi, ben vengano i controlli con il ripristino delle regole e l’eventuale subentro di nuovi concessionari che portano idee e sviluppo negli antichi rioni.” Il sindaco ha infine ringraziato il personale dell’ufficio Sassi e tutti coloro che si impegneranno nei controlli futuri.