Bari, dal primo aprile sperimentazione doppia guida dei taxi

Partirà il prossimo primo aprile, a Bari, la sperimentazione della doppia guida dei taxi. Lo conferma il Comune in una nota, spiegando che questa prima fase si concluderà il 31 dicembre 2024. L’amministrazione evidenzia che, in linea con quanto previsto dal legislatore nazionale, “al fine di assicurare per il servizio di taxi il tempestivo adeguamento ai livelli essenziali di offerta necessari all’esercizio del diritto degli utenti alla mobilità, ai titolari di licenze taxi è sempre consentito avvalersi di sostituti alla guida come seconde guide in turnazioni orarie aggiuntive diverse da quelle svolte dai titolari”.

Il Comune, in vista dell’aumento dell’afflusso turistico in città, ha quindi deciso di avviare la sperimentazione con l’obiettivo “di incrementare l’offerta del servizio taxi, anche ricorrendo alla possibilità, per i titolari di licenza, di avvalersi della doppia guida”. Questo meccanismo consentirà a due conducenti, in possesso del certificato di abilitazione professionale, di condurre lo stesso taxi in due turni differenti della stessa giornata, aumentando l’offerta a parità di vetture in circolazione. In questa prima fase di sperimentazione, evidenzia l’amministrazione, “il turno della doppia guida sarà effettuato in orario serale e notturno e nei luoghi dove la richiesta di taxi gli scorsi anni è stata maggiore”.

La richiesta di doppia guida dovrà essere inviata agli uffici competenti che rilasceranno la necessaria autorizzazione. “Alla sperimentazione – commenta l’assessora comunale Sviluppo economico, Carla Palone – intendiamo affiancare l’ampliamento del turno, fino a un massimo di dieci ore giornaliere, per 132 taxi fino al 31dicembre 2024, nelle more di espletare il bando per le nuove licenze”.