Matera come un Golgota per Pasqua con tre croci a Murgia Timone

Un’installazione evocativa illumina i Sassi per le festività pasquali

Matera celebra la Pasqua con tre croci illuminate sul Belvedere di Murgia Timone, trasformando la vista in uno scenario suggestivo visibile da tutta la città vecchia

Nella suggestiva cornice di Matera, il Belvedere di Murgia Timone si è trasformato in un simbolico Golgota per celebrare la Pasqua. L’iniziativa, promossa dall’Amministrazione comunale in collaborazione con l’Ente Parco della Murgia materana, ha visto l’installazione di tre croci in legno di abete, alte 4,20 metri e con un braccio di 3 metri, illuminate da faretti a energia solare. Queste croci, poste sulla sommità del Belvedere, sono diventate un punto focale visibile da tutto il centro storico e i caratteristici rioni Sassi di Matera, offrendo una visione evocativa che ricorda le scene della Passione di Cristo, tema di numerosi film girati nella città.

Le croci sono state fissate su basamenti in ferro con contrappesi in tufo, avvolti in juta per minimizzare l’impatto visivo, e sono distanziate di circa 2 metri l’una dall’altra. L’installazione temporanea si illuminerà ogni sera al tramonto e rimarrà accesa fino all’alba, permettendo ai visitatori e ai residenti di ammirare lo scenario anche durante le ore notturne.

Il sindaco Domenico Bennardi ha espresso gratitudine verso gli uffici regionali e l’assessorato all’Ambiente per la loro collaborazione e per aver reso possibile l’iter autorizzativo dell’installazione, che contribuisce a creare un’atmosfera unica per le celebrazioni pasquali, rafforzando l’immagine di Matera come una “piccola Gerusalemme”.