Matera, volontari Open Culture: anniversario e nuovo direttivo

Tre anni di impegno culturale e rinnovo delle cariche per i Volontari Open Culture

L’Associazione Volontari Open Culture ha celebrato ieri il suo terzo anniversario dall’istituzione nel febbraio 2021, marcando l’occasione con la presentazione del nuovo direttivo per il quadriennio 2024-2027

Ieri, 11 febbraio 2024, l’Associazione Volontari Open Culture ha festeggiato il suo terzo compleanno, ricordando la sua nascita nel febbraio 2021. L’evento ha anche segnato l’introduzione ufficiale del direttivo eletto a gennaio 2024, con una partecipazione attiva dei membri durante le votazioni. Il nuovo direttivo vede Ferdinando Trotta nel ruolo di Presidente, affiancato da Maria Carmela Di Cuia come Vicepresidente e completato da figure chiave quali Lucrezia Di Lena, Silvia D’ercole, Fabio Moliterni, Roberta Ruggieri ed Eustachio Rondinone, rispettivamente nei ruoli di Segretario, Referente Contabile, Referente Media e Social, Referente Bandi e relazioni con le Capitali Europee e Italiane della Cultura e Referente Operativo per le Attività dei Volontari.

Con già 150 tesserati all’inizio dell’anno, l’associazione continua a crescere grazie all’energia positiva e all’approccio inclusivo che caratterizzano le sue attività e che attirano sempre più membri. La celebrazione ha visto la partecipazione di figure storiche legate all’esperienza di Matera Capitale Europea della Cultura 2019, come Rossella Tarantino, Giovanni Oliva, Carla Digrazia e Massimiliano Burgi, i quali hanno offerto la loro guida e ora rappresentano punti di riferimento per i nuovi volontari.

L’associazione riceve numerose richieste di collaborazione da vari settori culturali, confermando il ruolo dei Volontari Open Culture come forza motrice all’interno della comunità. Il Direttivo esprime entusiasmo nel continuare a promuovere il volontariato culturale come forma di cittadinanza attiva e ringrazia tutti per la fiducia ricevuta, mirando a un impegno sempre più concreto nei confronti dei cittadini e delle istituzioni.