Bari, inaugurato il Villaggio di Babbo Natale. La letterina di Decaro: “Una città che non perda la sua unione”

Ieri a Bari è stato inaugurato il tanto atteso Villaggio di Babbo Natale. Un pomeriggio di magia tra danza, musica e acrobazie, in attesa del beniamino dei bambini che ha preso in carico tutte le letterine dei più piccoli. Ad imbucare la sua lettera contenente i desideri per la città di domani, anche il sindaco Antonio Decaro

Ogni sogno è un desiderio e il Natale è quel momento dell’anno in cui ogni desiderio è più vicino alla sua realizzazione. E così, nalla città di Bari, tra bocche aperte e occhi stropicciati per lo stupore, i bambini hanno atteso l’arrivo di Babbo Natale nel giorno dell’inaugurazione del villaggio a lui dedicato. Un’attesa scalpitante, ripagata, dal magico arrivo del loro beniamino.

Eccolo con il suo tipico abito rosso, la lunga barba e l’immancabile sacco pronto a ricevere le letterine già pronte per l’occasione, che i più piccoli hanno imbucato con il cuore ricco di desiderio. Una sfilata tra la gente, l’abbraccio delle istituzioni che ne hanno voluto l’arrivo a Bari dalla lontana Lapponia, per poi prendere il posto nella casetta di legno a lui dedicata, dove lo stesso sindaco Antonio Decaro e l’assessore alla cultura Ines Pierucci hanno consegnato la propria lettera ricca di desideri per la città di domani.

E allora al via la musica tra gnomi ed elfi che danzano al ritmo dei grandi classici del Natale ma anche di tormentoni estivi dal divertente mood fuori stagione

Una danza collettiva tra sorrisi e numeri da guardare con il naso all’insù. Il tutto per la gioia dei grandi e dei più piccoli, per condividere insieme, l’emozione di una grande magia.